Leggi di Kirchhoff: regole di base per i nodi nei circuiti elettrici

Leggi di Kirchhoff

Come Legge di Ohm, Leggi di Kirchhoff Sono un'altra delle regole fondamentali per l'elettronica. Queste leggi ci permettono di analizzare la tensione e l'intensità di corrente in un nodo, qualcosa di essenziale per conoscere aspetti dei circuiti.

Quindi se vuoi saperne un po 'di più su di loro, Ti invito a continuare a leggere questo intero tutorial sulle equazioni fondamentali e la loro applicazione nei circuiti di base ...

Nodo, ramo, maglia

Quando analizzi un circuito puoi distinguere tra i diversi simboli degli elementi, le linee di collegamento, le connessioni e anche i nodi. Questi ultimi sono anche chiamati ramo o maglia.

Le leggi di Kirchhoff vengono utilizzate per analizzare il file proprietà elettriche su questi nodi. Cioè, nei punti di giunzione in cui si intrecciano due o più elementi. Ad esempio, come il punto che puoi vedere nell'immagine principale di questo articolo ...

Leggi di Kirchhoff

Le Le leggi di Kirchhoff Sono due uguaglianze o equazioni che si basano sui principi della conservazione dell'energia e della carica dei circuiti elettrici. Entrambe le leggi possono essere ottenute direttamente derivando le famose equazioni di Maxwell, sebbene Kirchhoff fosse precedente a questa.

Il loro nome deriva dal loro scopritore, poiché furono descritti per la prima volta nel 1846 da Gustav Kirchhoff. E attualmente sono ampiamente utilizzati in ingegneria elettrico ed elettronico per conoscere la tensione e la corrente nei nodi del circuito, e insieme alla legge di Ohm, formano strumenti di analisi molto efficaci.

Prima legge o nodi

nodo

«In ogni nodo, la somma algebrica delle intensità che entrano in un nodo è uguale alla somma algebrica delle intensità che lo lasciano. Allo stesso modo, la somma di tutte le correnti attraverso il nodo è uguale a zero.»

Io = io1 I +2 I +3 ...

Seconda legge o le maglie

maglia

«In un circuito chiuso, la somma di tutte le cadute di tensione è uguale alla tensione totale fornita. Allo stesso modo, la somma algebrica delle differenze di potenziale elettrico in un circuito è uguale a zero.«.

-V1 + V2 + V = I R1 + I R2 + I R3   = io (R1 + R2 + R3)

Ora puoi iniziare ad applicarli formule semplici per ottenere i dettagli di corrente e tensione nei tuoi circuiti ...


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.