Controllo di un transistor: spiegato passo dopo passo

IRFZ44N

Qualche tempo fa abbiamo pubblicato un tutorial su come potresti controllare i condensatori. Ora è il turno di un altro componente elettronico essenziale, com'è. Qui puoi vedere come controlla un transistor spiegato in modo molto semplice e passo dopo passo, e puoi farlo con strumenti convenzionali come un multimetro.

I i transistor sono ampiamente utilizzati in una moltitudine di circuiti elettronici ed elettrici per il controllo con questo dispositivo a stato solido. Pertanto, vista la loro frequenza, sicuramente ti imbatterai in casi in cui dovrai controllarli...

Ciò che di cui ho bisogno?

come scegliere il multimetro, come usare

Se lo hai già un buon multimetro, o multimetro, è tutto ciò che serve per testare il tuo transistor. Si Questo Multimetro deve avere una funzione per testare i transistor. Molti dei multimetri digitali odierni hanno questa caratteristica, anche quelli economici. Con esso puoi misurare i transistor bipolari NPN o PNP per determinare se sono difettosi.

Se questo è il tuo caso, dovrai solo inserire i tre pin del transistor nella presa del multimetro che è indicato per esso e posizionare il selettore sul posizione hFE per misurare il guadagno. Quindi puoi ottenere una lettura e controllare una scheda tecnica se corrisponde a ciò che dovrebbe dare.

Passi per controllare un transistor bipolare

come scegliere il multimetro

Sfortunatamente, non tutti i multimetri hanno questa semplice funzione e per provalo in modo più manuale con qualsiasi multimetro dovrai fare diversamente, con la funzione di test «Diodo».

  1. La prima cosa è rimuovere il transistor dal circuito per ottenere una lettura migliore. Se si tratta di un componente non ancora saldato, puoi salvare questo passaggio.
  2. Prueba Base all'emittente:
    1. Collegare il cavo positivo (rosso) del multimetro alla base (B) del transistor e il cavo negativo (nero) all'emettitore (E) del transistor.
    2. Se si tratta di un transistor NPN in buone condizioni, lo strumento dovrebbe mostrare una caduta di tensione tra 0.45 V e 0.9 V.
    3. Nel caso di un PNP, sullo schermo dovrebbe essere visualizzata la sigla OL (Over Limit).
  3. Prueba Dalla base al collezionista:
    1. Collegare il cavo positivo del multimetro alla base (B) e il cavo negativo al collettore (C) del transistor.
    2. Se si tratta di un NPN in buone condizioni, mostrerà una caduta di tensione tra 0.45 V e 0.9 V.
    3. In caso di PNP, OL apparirà di nuovo.
  4. Prueba Emittente alla base:
    1. Collegare il filo positivo all'emettitore (E) e il filo negativo alla base (B).
    2. Se si tratta di un NPN in perfette condizioni, questa volta mostrerà OL.
    3. Nel caso del PNP, verrebbe mostrato un calo di 0.45 V e 0.9 V.
  5. Prueba Collezionista alla base:
    1. Collegare il positivo del multimetro al collettore (C) e il negativo alla base (B) del transistor.
    2. Se si tratta di un NPN, dovrebbe apparire nella schermata OL per indicare che è a posto.
    3. In caso di PNP, la caduta dovrebbe essere di nuovo 0.45 V e 0.9 V se va bene.
  6. Prueba Da collettore a emettitore:
    1. Collegare il filo rosso al collettore (C) e il filo nero all'emettitore (E).
    2. Che sia NPN o PNP in perfette condizioni, mostrerebbe OL sullo schermo.
    3. Se si invertono i fili, il positivo all'emettitore e il negativo al collettore, sia al PNP che al NPN, dovrebbe leggere anche OL.

Qualsiasi misura diversa di ciò, se fatto correttamente, indicherà che il transistor è difettoso. Devi anche prendere in considerazione qualcos'altro, e cioè che questi test rilevano solo se il transistor ha un cortocircuito o sono aperti, ma non altri problemi. Pertanto, anche se li supera, il transistor potrebbe avere qualche altro problema che ne impedisce il corretto funzionamento.

Transistor FET

Nel caso di essere a Transistor FET, e non bipolare, dovresti seguire questi altri passaggi con il tuo multimetro digitale o analogico:

  1. Metti il ​​tuo multimetro nella funzione di test del diodo, come prima. Quindi posizionare la sonda nera (-) sul terminale Drain e la sonda rossa (+) sul terminale Source. Il risultato dovrebbe essere una lettura di 513mv o simile, a seconda del tipo di FET. Se non si ottiene la lettura sarà aperta e se è molto bassa andrà in corto circuito.
  2. Senza rimuovere la punta nera dallo scarico, posizionare la punta rossa sul terminale di Gate. Ora il test non dovrebbe restituire alcuna lettura. Se mostra dei risultati sullo schermo, allora ci sarà una perdita o un cortocircuito.
  3. Metti la punta nella fontana e quella nera rimarrà nello scarico. Questo metterà alla prova la giunzione Drain-Source attivandola e ottenendo una lettura bassa di circa 0.82v. Per disattivare il transistor, i suoi tre terminali (DGS) devono essere cortocircuitati, e ritornerà dallo stato acceso allo stato di riposo.

Con questo, puoi testare transistor di tipo FET, come i MOSFET. Ricordati di avere le caratteristiche tecniche o schede tecniche di questi per sapere se i valori che si ottengono sono adeguati, visto che varia in base al tipo di transistor...


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.