Come realizzare un jukebox fatto in casa e personalizzato

Jukebox tradizionale

La musica di sottofondo è qualcosa che non è morto, nonostante sia tipica degli anni '70 e '80. Uno degli elementi più apprezzati in quegli anni è il famoso jukebox o jukebox che allestiva un locale o un bar per un piccolo prezzo. La moda retrò ha reso nuovamente popolari i jukebox e persino in concorrenza con i servizi musicali moderni come Spotify o Deezer.

Successivamente andremo nei dettagli come costruire un jukebox fatto in casa senza acquistare o ricorrere a vecchi dispositivi e obsoleti che potrebbero non funzionare correttamente o come dovrebbero. Ma prima Cos'è esattamente un jukebox?

Cos'è un jukebox?

Per molti il ​​nome di Jukebox suonerà come una nuova tecnologia che è piuttosto costosa, altri suoneranno come una risata, ma in realtà, un jukebox è molto diverso da queste opinioni o espressioni.
Un jukebox è il termine inglese che si riferisce al jukebox, jukebox o giradischi tradizionale che era nei bar e nei centri ricreativi, essendo un ottimo elemento per ambientare qualsiasi stanza o stanza. La moda per il retrò ha fatto sì che sempre più persone cercassero e apprezzassero questo dispositivo nonostante il fatto che quando sono nati non fossero più di moda o non fossero prodotti industrialmente, sebbene grazie alle tecnologie libere, l'esistenza di Jukebox "rinnovato" ha nuovi elementi come altoparlanti intelligenti, touch screen o entrate tramite app a pagamento invece della fessura per monete.

Gli elementi caratteristici del jukebox sono un elenco di musica che può essere digitalmente o fisicamente attraverso i dischi; altoparlanti per emettere il suono o la canzone che selezioniamo e un'interfaccia per selezionare la canzone o l'elenco delle canzoni che vogliamo ascoltare. Grazie all'Internet of Things, i nuovi jukebox sono dispositivi intelligenti che possono essere collegati al nostro smartphone e utilizzare lo schermo del cellulare con un'interfaccia per selezionare il brano o l'elenco dei brani.

Di quali materiali ho bisogno?

La costruzione di un jukebox fatto in casa o personalizzato è abbastanza semplice anche se il prezzo dei componenti non è basso da allora il jukebox richiede alcuni elementi il ​​cui prezzo può rendere il progetto più costoso, ma possiamo sempre sostituirli con materiali riciclati o riutilizzati da altri progetti, quindi il prezzo potrebbe diminuire notevolmente.

Componenti di cui abbiamo bisogno per costruire il jukebox

Gli elementi di cui avremo bisogno sono:

  • Raspberry Pi
  • Scheda microsd da 16 Gb
  • Pulsanti GPIO, cavi e una scheda di sviluppo
  • altoparlanti
  • USB
  • Lampadina intelligente (Philips Hue, Xiaomi, ecc ...)
  • Prota OS

Avremo anche bisogno di un alloggio o telaio per riporre tutti i componenti del nostro jukebox fatto in casa. Per questo possiamo crearne uno noi stessi con legno, vetro e un po 'di cartone o acquisire un jukebox danneggiato in cui svuotiamo e installiamo il jukebox che abbiamo creato.

Assemblaggio del Jukebox

In questo progetto utilizzeremo Raspberry Pi, una scheda SBC che non solo può gestire vari file audio ma può anche essere collegata ad altri dispositivi. Ma perché funzioni correttamente dobbiamo installare un sistema operativo. In questo caso abbiamo optato per Prota OS, un sistema operativo che gestirà in modo intelligente il Jukebox. Sopra il sito ufficiale non abbiamo solo il sistema operativo ma avremo un modo per registrare l'immagine su una scheda microsd. Una volta registrata l'immagine, la testiamo sul Raspberry Pi e il gioco è fatto.

Scheda di sviluppo per Jukebox

Adesso dobbiamo montare la scheda di sviluppo in modo che funzioni come una tastiera per il nostro Jukebox. Per prima cosa dobbiamo installare i pulsanti sulla scheda di sviluppo. Quindi dobbiamo inserire i cavi proprio accanto al pulsante e all'altra estremità del cavo collegare un connettore per inviare tutti i cavi alla porta GPIO di Raspberry Pi. Questo creerà i pulsanti del jukebox che in seguito potremo programmare o riprogrammare.

Adesso dobbiamo configurare l'applicazione GPIO per configurare i pulsanti che abbiamo configurato e collegato a Raspberry Pi.

Una volta configurate le porte GPIO, dobbiamo andare a Volumio, l'applicazione musicale di Prota OS e configurare con l'applicazione la musica e le diverse liste musicali che utilizzeremo in seguito nel jukebox. Naturalmente, non solo i pulsanti devono essere collegati alla porta GPIO ma anche gli altoparlanti devono essere collegati alla porta USB del Raspberry Pi.

Ora dobbiamo collegare la lampadina intelligente. Le luci colorate sono una parte importante del jukebox, in questo caso useremo una lampadina intelligente che cambia il colore in base alla canzone. Per fare ciò, dobbiamo prima collegare la lampadina a Prota OS. Una volta connesso, in Prota OS troveremo un'applicazione chiamata Stories che ci permetterà di automatizzare alcuni parametri. L'operazione sarà la seguente: Se si preme l'elenco 1, la lampadina emette il colore blu. Queste regole dovranno essere create con ogni lista di musica che creiamo.

Ora che abbiamo tutto assemblato, dobbiamo salvare tutto in una custodia che possiamo costruire da soli o utilizzare direttamente una custodia per jukebox vecchia o obsoleta, questa devi scegliere tu stesso.

Come utilizzare questo Jukebox?

L'utilizzo di questo jukebox è molto interessante perché possiamo creare un elenco con diverse canzoni, cioè una canzone per pulsante oppure possiamo creare un elenco di musica per pulsante e abbinarlo a uno specifico colore della lampadina. Il guida che abbiamo seguito in Instructables parlare di utilizzare programmi di terze parti come IFTTT che automatizzano determinate attività con Raspberry Pi. Quindi possiamo usare altoparlanti intelligenti come Amazon Echo o semplicemente aggiungere sensori di movimento per accenderlo e iniziare a funzionare o semplicemente che quando un determinato dispositivo come uno smartphone viene avvicinato, il jukebox riproduce un certo elenco di musica o una canzone. Stabilisci tu stesso i limiti.

I jukebox sono obsoleti?

Ora, guardando i limiti dei jukebox, potresti chiederti se sono davvero necessari o meno. Per gli amanti del retrò, del vecchio, i jukebox sono comunque interessanti poiché ci permettono di ascoltare la musica senza dipendere da uno smartphone o da un computer. Quello che diventa un "super vecchio iPod", per coloro che sono amanti della Apple.

Ma se siamo davvero utenti pratici, non ci interessa il dispositivo e vogliamo solo ascoltare musica, la soluzione migliore è uno smart speaker connesso al nostro smartphone per decorare qualsiasi stanza con la musica che vogliamo. Il risultato è quasi lo stesso ma è meno ingombrante che creare da soli il jukebox. Ora, il risultato non è così libero e personalizzato come se avessimo creato questo dispositivo noi stessi. Non credi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Pedro suddetto

    Ottimo articolo, complimenti!

test di ingleseProva il catalanoquiz spagnolo