LR41: scopri di più su queste batterie

LR41

Nel mercato c'è una quantità enorme di batterie con voltaggi diversi, capacità e anche con una moltitudine di forme. Ognuno orientato a un tipo specifico di dispositivo. Uno di questi l'abbiamo già analizzato in passato, così com'è il CR2032. Ora, in questo articolo, analizzeremo una "sorella" di questo, così com'è la LR41, che appartiene anche alle cosiddette batterie a bottone.

Le sue caratteristiche lo rendono ideale per alcuni tipi di applicazioni dove le dimensioni e la durata contano e con richieste di potenza non così elevate come in altri dispositivi più grandi ...

Cos'è la batteria LR41?

batteria lr41

La batteria o batteria LR41 è un tipo di batteria della famiglia dei pulsanti. È anche considerato alcalino e non ricaricabile. Il suo voltaggio è di 1.5 volt, con una dimensione abbastanza ridotta per i dispositivi elettronici che richiedono una bassa richiesta di energia, come orologi, puntatori laser, calcolatrici e altri dispositivi elettronici.

Per quanto riguarda la composizione delle loro celle, questo tipo di batterie usa diversi prodotti chimici per la sua funzionalità. Con un involucro metallico esterno il cui polo positivo è la parte piana dove solitamente hanno le iscrizioni, con la faccia opposta essendo il polo negativo. Per quanto riguarda la durata, potrebbero essere fino a 3 anni di stoccaggio.

Dove acquistare le batterie LR41

Puoi trovare questi tipi di batterie in diversi negozi specializzati, anche se non sono facili da trovare come il tipo A, che è più popolare. Tuttavia, su piattaforme come Amazon puoi acquistare per unità o in confezioni:

Maggiori informazioni sulle batterie

tipi di batterie

Dovrebbe distinguere tra batteria e batteria, sebbene generalmente entrambi i termini siano usati indifferentemente (il motivo è il termine batteria in inglese, che è ambiguo e funziona per entrambi), se vuoi essere più rigoroso, puoi fare quanto segue:

  • Batteria: la batteria può recuperare la sua carica se le viene fornita corrente elettrica, cioè non ci sono batterie non ricaricabili. Inoltre, subiscono l'autoscarica nei giorni o nei mesi in cui non vengono utilizzati.
  • batteria: subiscono un processo irreversibile e quando vengono scaricati non possono essere ricaricati. Invece, possono essere conservati per anni senza un'autoscarica significativa.

Tipi di batteria

Le pile possono essere divise in due grandi famiglie, e al loro interno possono anche continuare ad essere catalogati per tipologia e caratteristiche:

Non ricaricabile

Le batterie non ricaricabili non dovrebbero essere provati a caricare, poiché possono essere danneggiati, non sono fatti per questo. Sono progettati solo per uso singolo. All'interno di questo gruppo ci sono:

  • Cilindrico: sono i più popolari, e quelli che puoi trovare negli orologi da parete, nei telecomandi, ecc. Tra questi ci sono:
    • Alcalino: sono molto comuni oggi. Sono composti da zinco come anodo e biossido di manganese come catodo. Questo tipo di batteria è molto resistente e dovrebbe essere conservata a circa 25ºC o meno per una corretta conservazione. A seconda delle dimensioni ci sono AA (LR6), AAA (LR03), AAAA (LR61), C (LR14), D (LR20), N (LR1) e A23 (8LR932), tutte da 1.5 volt e con diverse dimensioni , tranne l'ultimo che è a 12V.
    • Salinas: queste batterie hanno zinco-carbone, e sono sempre più in disuso a causa della loro minore capacità e durata rispetto a quelle alcaline. Troverai anche gli stessi tipi, come AA, AAA, AAAA, ecc., Ma hanno codici IEC e ANSI diversi.
    • Litio: Includono il litio nella loro composizione, e se ne possono avere diversi tipi con autoscarica molto bassa, di solo l'1% all'anno. Inoltre, hanno un range operativo molto ampio, da -30ºC a 70ºC. All'interno puoi trovare quelli di ferro e disolfuro di litio, come AA o AAA da 1.5v, quelli di litio-tionile coloro da 3.6v, quelli di biossido di manganese-litio, da 3v...
  • Rettangolare: Come suggerisce il nome, sono batterie di forma rettangolare, diverse da quelle cilindriche. In passato erano molto più diffusi, anche se oggi non vengono utilizzati tanto a causa delle loro dimensioni. In questi si possono raggiungere tensioni superiori a 4.5v.
    • Alcalino: quelli conosciuti come LR possono variare da 4.5v per il pacco batteria o 3LR12, a 9v per il PP3 (6LR61), fino a 6v per la batteria della torcia (4LR25).
    • Salinas: Come quelli cilindrici, anche loro sono caduti in disuso e sono usati raramente, solo per applicazioni molto specifiche dove possono avere qualche vantaggio su quelli alcalini. Trovi ragazzi come PP6 e PP9...
    • Litio: Esistono anche batterie al litio quadrate, solitamente con litio cloruro di tionile o litio biossido di manganese. Entrambi 9v.
  • Pulsante: all'interno di questa sezione entrerebbe la LR41 di questo articolo. Sono batterie che, come suggerisce il nome, sono a forma di bottone. Sono utilizzati per dispositivi a bassa richiesta elettrica e di piccole dimensioni, come orologi, apparecchi acustici, ecc.
    • Alcalino: sono batterie da 1.5v, con codici come LR54, LR44, LR43, LR41 e LR9.
    • Litio: ce ne sono anche con voltaggi di 3v. Con una lunga vita utile e in grado di lavorare in intervalli di temperatura molto ampi. Queste batterie sono marcate CR per le batterie al litio biossido di manganese e BR per le batterie al litio-policarbonato monofluoruro (esistono anche litio cloruro di tionile, sebbene siano più rare, con 3.6v e durate che possono superare i 10 anni, per applicazioni critiche e codice TL). Ad esempio, CR1025, CR1216, CR2032, BR2032, CR3032, ecc. Tutti con dimensioni diverse.
    • Ossido d'argento: possono raggiungere 1.55v e hanno un'ottima resa alle basse temperature. Si distinguono per codici SR, come SR41, SR55, SR69, ecc.
    • Celle aria-zinco: sono molto comuni negli apparecchi acustici per le loro dimensioni e la facilità di installazione. Con tensioni di 1.4 volt. Il suo codice è PR, come PR70, PR41...
    • Batterie per fotocamere: Sono simili ai precedenti, e ci sono anche quelli al litio, ma di solito vengono in confezioni speciali per questi dispositivi. Sono di dimensioni maggiori e possono fornire tensioni da 3 a 6 volt. Con codici CR in questo caso. Come CR123A, CR2, 2CR5, CR-V3, ecc.

Ricaricabile

Come suggerisce il nome, sono batterie, anche se molti dicono batterie ricaricabili (in effetti, possono avere lo stesso formato e sembrare batterie non ricaricabili). Questi tipi di batterie non sono destinati all'uso singolo, ma possono essere utilizzati più e più volte, con molti cicli di carica-scarica. I più comuni sono:

Non utilizzare un caricabatterie NiCd o NiMH per batterie al litio o viceversa. Quello corretto deve essere utilizzato in ogni caso.
  • NiCdQueste batterie al nichel-cadmio erano molto popolari e vengono utilizzate sempre meno a causa del loro effetto memoria. In altre parole, la sua capacità diminuisce con l'uso. Possono durare circa 2000 cicli di carica e scarica, che è una cifra davvero notevole.
  • NiMH: sono abbastanza popolari e non hanno lo stesso effetto memoria dei precedenti. Inoltre, supportano densità di energia più elevate, il che è anche positivo. Hanno il loro alto tasso di autoscarica e la loro bassa velocità di ricarica rispetto al NiCd. Sono anche più sensibili alle variazioni di temperatura. Durano tra 500 e 1200 cicli di carica-scarica.
  • Li-Ion: sono i più utilizzati oggi per le loro fantastiche proprietà. Supportano una maggiore densità di energia per cella rispetto a NiCd e NiMH, quindi possono essere costruiti molto compatti e leggeri. Il loro effetto memoria è praticamente trascurabile, così come il loro tasso di autoscarica, ma hanno punti deboli, poiché la loro durata non raggiunge i cicli NiCd. In questo caso, sono tra 400 e 1200 cicli di carica-scarica.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.