Google collabora con Raspberry Pi per avviare l'Assistente virtuale

Google VoiceKit e Raspberry Pi.

Molti di noi hanno già dispositivi intelligenti nelle nostre case che controllano il resto dei dispositivi in ​​casa. Una sorta di Amazon Echo o Google Home ma personalizzato. Altri scelgono di acquistare il proprio dispositivo da Amazon o Google. Tuttavia ora c'è un'altra possibilità, una possibilità legale, ottimizzata e gratuita.

Google si è unito a Raspberry Pi nella creazione di progetti hardware gratuiti. Pertanto, hanno creato un assistente virtuale domestico che possiamo costruire da soli ma che avrà la tecnologia di Google e Raspberry Pi.

Questo assistente virtuale è stato soprannominato VoiceKit o almeno così si chiama web in cui troveremo tutte le informazioni del dispositivo. Questo dispositivo curiosamente può essere acquistato attraverso l'ultimo numero di The MagPi.

VoiceKit è il primo assistente virtuale gratuito che è stato creato insieme a Google e Raspberry Pi

Questa rivista è stata creata dalla Raspberry Pi Foundation e nell'ultimo numero è allegato il kit di costruzione per questo assistente virtuale, che include componenti come una scheda Pi Zero W, altoparlanti, ecc ... Anche l'utente potrai utilizzare il software Google per avere un assistente virtuale funzionale e senza problemi.

Al momento, attraverso la rivista è l'unico metodo per ottenere questo kit assistente virtuale. Ma questo è già successo con la scheda Pi Zero e mesi dopo abbiamo iniziato a trovarlo nei negozi Hardware Libre. D'altra parte Google lo ha confermato Questo kit assistente virtuale non sarà l'unica cosa che lancio in collaborazione con Raspberry Pi. Il loro interesse per il consiglio è genuino e continueranno a lanciare progetti ufficiali con il software Google e l'hardware Raspberry Pi.

La verità è che il MagPi è difficile da raggiungere i chioschi spagnoli ma è anche vero che avendo hardware e software liberi, Possiamo costruire questo assistente virtuale da soli Senza alcun problema, sì, dobbiamo essere un piccolo tuttofare perché dobbiamo prima costruire il kit.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Daniel boom suddetto

    Lo stesso fino a quando non lanciano un Android funzionale per Raspberry Pi.

  2.   Salvador suddetto

    Consiglio di unirti a raspberry con Lion 2. Codifica molto meglio ed è un risultato impressionante nelle stampe 3D